Ratio

 Gli scopi e gli obiettivi di Nazione Pellita

Crediamo sia di fondamentale importanza fornire a qualsiasi cittadino Sardo, che abbia a cuore le sorti della propria Isola e che nel contempo sia dotato di quella giusta e impellente sete di sapere, gli strumenti necessari utili ai fini della assimilazione  e comprensione dei ragionamenti, che gli permettano di capire a fondo ed in modo  compiuto e chiaro la problematica della “Questione Sarda”.

Una problematica, è bene dirlo con chiarezza, che si trascina, tra svariate e diverse argomentazioni,  strategie, proposte e soluzioni, ormai da tantissimi anni.  La “Questione Sarda” – risollevata e analizzata a suo tempo dal giornalista Gianfranco Pintore – è dunque oggi un tema di grandissima attualità e che, dopo le “dimenticanze” forse volutamente indotte da una certa “politica-padrona-italianista”,  sarà uno degli argomenti preferiti che tutti i partiti cercheranno, alcuni con convinzione altri con un falso interesse che ne nasconde altri, di affrontare e ognuno di questi diventerà, immancabilmente, portatore di una proposta nuova, di una riscoperta di quella “Sardità” – bandita da troppi anni dalle segreterie dei partiti tradizionali – all’ interno delle proprie organizzazioni che verranno “tirate a lucido” in occasione degli imminenti appuntamenti elettorali che noi Sardi, nell’ immediato futuro, ci appresteremo ad affrontare.

Quindi prepariamoci a vedere, sentire, ascoltare e analizzare decine e decine di diverse proposte sulle strategie e sulle politiche da seguire per favorire la  riscoperta della Sardegna, la valorizzazione della sua Storia, della necessità e della sua esigenza vitale di “autonomismo”, di “zonafranchismo” (sia totale che parziale che imperfetto che livignesco ) , di “Indipendentismo”, inteso e sentito almeno in tre/quattro modi diversi. Tutti argomenti utili, interessanti e importanti per la nostra Terra e per il nostro futuro. Riusciranno a convincere i Sardi della bontà delle loro proposte, dei loro modi di vedere e sentire la “Questione Sarda” in chiave moderna ? Sapranno instillare nel cuore dei Sardi quella goccia vitale di alimento culturale e storico che ne risvegli l’ Orgoglio (perduto) di appartenenza  ? Sapranno essere convincenti, per renderli consapevoli, di questo Antico Popolo che non sa ancora di essere una vera e propria Nazione  sin dalla sua esistenza ? Saranno capaci di imprimere e favorire quella necessaria e tanto attesa “presa di coscenza”  nelle nostre genti martoriate da troppi secoli da una politica soffocante e colonizzatrice ? Sapranno fornire tutti gli strumenti utili per sottrarre tutti noi da quel “giogo storico” che ha (forse) irrimediabilmente contaminato la nostra cultura, la nostra storia, la nostra appartenenza alla “Sardità” vera. Quella “Sardità”, per intenderci,  che ci consente ancora oggi di parlare di noi quasi in terza persona meravigliandoci continuamente di questa nostra  “fedeltà”, dimostrandola quotidianamente in svariate forme, nei confronti dei nostri “aguzzini” ?

E tanti altri sono gli interrogativi che ci poniamo ed ai quali cercheremo di rispondere attraverso la pubblicazione, e la conseguente ed immancabile critica, delle testimonianze, degli scritti, dei contributi di tutti i maggiori protagonisti e studiosi della Storia Sarda, sulla necessità di adottare tutte le forme di quell’ indipendentismo risolutore che diano la Sovranità al Popolo Sardo e la giusta collocazione delle nostre ricchezze naturali che rischiano di essere trasformate in altro. “Ruberemo” in rete tutto quello che verrà scritto e pubblicato su questo problema cercando, nel nostro forse insignificante piccolo, di aiutare a comprendere meglio quale sia la “miglior ricetta” per derimere una volta tanto la “Questione Sarda”.

 

No responses yet




Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.